Post più popolari

venerdì 28 ottobre 2011

L'empowerment....questo sconosciuto!


Spesso, leggendo articoli o partecipando ad incontri, si sente dire che dobbiamo sviluppare il nostro empowerment, personale e di comunità…...ma che significa?   

L’empowerment è un processo dell’azione sociale attraverso il quale le persone, le organizzazioni e le comunità acquisiscono competenza sulle proprie vite, al fine di cambiare il proprio ambiente sociale e politico per migliorare l’equità e la qualità di vita
Dimensioni dell’empowerment

1.EMPOWERMENT PSICOLOGICO

L’empowerment psicologico scaturisce dalla combinazione di tre componenti: 
- convinzione soggettiva di poter influire sulle decisioni che incidono sulla propria vita
(componente intrapersonale); 
-capacità di comprendere il proprio ambiente socio-politico (componente interpersonale); 
- partecipazione ad attività collettive mirate a influenzare l’ambiente socio-politico
(componente comportamentale).

2.EMPOWERMENT ORGANIZZATIVO
A livello organizzativo, l’Empowerment include i processi e le strutture organizzative che aumentano la partecipazione dei membri e migliorano l’efficacia dell’organizzazione nel raggiungere i propri scopi. Un’organizzazione che dà l’opportunità ai propri membri di aumentare il controllo sulla propria esistenza è definita organizzazione “empowering”; un’organizzazione che si sviluppa con successo e che influenza le decisioni politiche è definita un’organizzazione “empowered”. Queste caratteristiche possono essere entrambi presenti un un’organizzazione.

3. EMPOWERMENT DI COMUNITÀ
 A livello di comunità, l’ Empowerment attiene all’azione collettiva finalizzata a migliorare la qualità di vita e alle connessioni tra le organizzazioni e le agenzie presenti nella comunità. Attraverso l’empowerment di comunità si realizza la “comunità competente”, in cui i cittadini hanno “le competenze, la motivazione e le risorse per intraprendere attività volte al miglioramento della vita”.
Caratteristiche dell’empowerment:
L’empowerment può essere interpretato sia come processo e sia come risultato . È un concetto orientato all’azione con lo scopo di rimuovere gli ostacoli formali ed informali e trasformare le relazioni di potere tra le comunità, le istituzioni ed il governo. Si basa sull’assunto che gli assetti culturali della comunità sono rafforzati attraverso il dialogo e l’azione.
È specifico rispetto alla cultura, alla società e alla popolazione e quindi richiede che l’azione sia calata nel contesto locale. È un’interazione dinamica tra l’acquisizione di maggiori competenze interne e il superamento degli ostacoli esterni per accedere alle risorse.
Classificazioni dell’empowerment
1. dimensione personale 
2. dimensione interpersonale (organizzazione della comunità)
3. dimensione micro-ambientale e organizzativa (partnership tra organizzazioni)
4. dimensione macro-ambientale o sociopolitica (azione sociale e politica)

Da qui l'empowerment come mezzo, conscio o inconscio, di Transizione: 
be empowering, be empowered!



venerdì 21 ottobre 2011

Gli insaponati

In attesa di vedere le foto del nostro ultimo incontro, facciamo un breve resoconto della riunione del 10 novembre.

Abbiamo colto l'occasione, grazie alla disponibilità di Stefano per cominciare con le attività pratiche, quindi ci siamo trovati alla Boa per imparare a fare il sapone.
Il sapone casalingo si può fare con svariate ricette, noi abbiamo seguito una ricetta proposta da Stefano che aveva già esperienza in materia.
Una delle particolarità del sapone è che il prodotto finito ha bisogno di maturare per un tempo più o meno lungo prima di essere usato.
Alla prossima riunione potremo vedere i risultati, anche se già adesso Stefano ci ha scritto che si stanno asciugando bene (grazie al bel tempo e alle sante manine che lo girano tutti i giorni).

In questi giorni un nostro "collega" permacultore si è offerto di insegnarci a fare il formaggio. Al momento il gruppo è entusiasta e siamo alla ricerca di un posto dove trovarci.
Una delle idee proposte è di dividerci in gruppi per poter lavorare anche in posti più piccoli della Boa, e diffondere le informazioni a più persone possibili.

A presto per gli aggiornamenti!

mercoledì 12 ottobre 2011

Messaggio di Ellen Bermann

 Sul sito dell'Accademia di Permacultura c'è un messaggio di Ellen Bermann, riguarda le prossime iniziative di Transition Italia e ci sembrava utile far girare le informazioni.
La copiamo qui di seguito, così come la trovate sul sito dell'Accademia:

 4 incontri sulla crisi    economico-finanziaria ... e Noi?
 
Cari tutti,

in attesa di incontrarci sabato ad Ozzano per esplorare anche cosa di interessante stia succedendo al margine tra la permacultura e la transizione, approfitto di questa mail di gruppo per segnalarvi quanto segue:


Come TI stiamo organizzando le tappe italiane del tour europeo che Nicole Foss sta facendo per illustrare gli imminenti scenari economico-finanziari tramite presentazioni intitolate "A century of challenges". Tema scottante ed attuale.

Qui c'è il programma complessivo:

http://transitionitalia.wordpress.com/2011/10/07/un-secolo-di-sfide-il-tour-italiano-di-nicole-foss/

In allegato trovate volantini, comunicati, ecc. che danno qualche info di dettaglio.

Tutti gli eventi non prevedono solo una presentazione da parte di Nicole (che è tosta e anche drastica) ma sono seguiti da momenti partecipativi in cui le persone, una volta preso coscienza dei possibili scenari, cercheranno di elaborare possibili soluzioni su piccola scala (quella della comunità) con modalità Open Space Technology, World Café, Fishbowl, ecc. Questo proprio perché ciò corrisponde all'approccio della transizione che cerca di creare spazi dove le persone possano riscoprire il proprio empowerment (all'interno di un gruppo) nonché la responsabilità dalla quale abbiamo tutti quanti abdicato.

Nicole (che si firma come Stoneleigh) è una ricercatrice canadese e gestisce uno dei blog a tema economia & finanza (alternativi, fuori dal coro) più visitati: http://theautomaticearth.blogspot.com/ e già l'anno passato l'avevo invitata dove abito (Carimate) e la sua presentazione ha avuto notevole effetto su chi ha partecipato e tante cose che aveva previsto le vediamo avverarsi proprio di questi tempi. Qui trovate un piccolo resoconto del suo speech dell'anno passato: http://ioelatransizione.wordpress.com/tag/stoneleigh/

Ora in questo giro la sua presentazione ha ovviamente diversi aggiornamenti (in quanto notiamo anche notevoli accelerazioni degli eventi) e proprio una parte specifica sull'Italia. 

E' sottinteso che se c'è una delle giornate che vi viene comoda per data o ubicazione, siete caldamente i benvenuti.

A presto,

Ellen

domenica 9 ottobre 2011

Il Crash course


Rob Hopkins suggerisce ai nuovi adepti della Transizione di approfondire alcuni temi, quali l'economia, la finanza, il debito, l'energia, il petrolio, gli ecosistemi attraverso una serie di piacevoli lezioni tenute da Chris Martenson

 

Ora queste lezioni sono state sottotitolate in italiano ed è possibile trovarle tutte e 22(!!!) su Indipendenzaenergetica, sito che offre contenuti davvero interessanti circa la Transizione, l'energia, l'ecologia tradotti in italiano grazie al contributo di alcuni valorosi!
Per informazioni più dettagliate andate a questo link di Transition Italia.
Mi piacerebbe ci scambiassimo dei pareri su questi video in uno dei prossimi incontri, magari uno di quelli culinari!
Buona visione!

sabato 8 ottobre 2011

Portogruaro, 21° città in Transizione!

Su Transition Italia c'è un bel articolo che parla di noi!

La serata è stata davvero stimolante al punto che, come dice Deborah, "il giorno dopo il Ttalk ho visto apparire il Porto di Transizione tra le iniziative ufficiali italiane…"
Siamo la ventunesima città di Transizione d'Italia!
E allora...al lavoro!
L'articolo prosegue offrendo spunti interessanti e una bella panoramica su Portogruaro.
Grazie Deborah!


Prime impressioni d'autunno

Dopo i primi due incontri della nuova stagione abbiamo raccolto qua e là impressioni delle persone che erano presenti.
Di seguito le postiamo in forma anonima per dare un'idea di quello che si sta muovendo, certi che i loro autori si riconosceranno:

"Che bella presentazione ieri sera, mi è piaciuta molto. Credo che a Porto e dintorni ci sia terreno 'fertile' per una buona Transition!"

"Bella serata..ieri sera,molta gente...tutta partecipativa..........mi da fiducia sul futuro e penso che stiamo seminando bene."

"Si, da fiducia. Speriamo bene."

Se devo fare un appunto mi piacerebbe ricevere anche delle critiche costruttive, o corriamo il rischio di ritrovarci con una corona d'alloro in testa :-)


Nel giro di qualche giorno pubblicheremo le prime foto degli incontri.

Buon fine settimana a tutti, prossimo appuntamento lunedì sera per l'incontro mensile del gruppo.

 




venerdì 7 ottobre 2011

Anche le formiche..

Mi è capitato di recente di avere una discussione sull'agricoltura biologica e ho avuto l'impressione che, almeno per il momento, non riusciamo a fare a meno di competere con i nostri vicini per accaparrarci fette di mercato sempre più grandi.

Quanto sarebbe più facile e quante cose riusciremmo a fare se invece della competizione usassimo la cooperazione?

video

Gruppi di persone che si aiutano a vicenda rendono possibile anche ai più piccoli di contribuire.. e se la rivoluzione cominciasse dalle formiche? :-)